2016/07/31

1971/07/31: Video e foto della prima EVA di Scott e Irwin


Foto AS15-85-11398 - JSC scan


Foto AS15-85-11416 - JSC scan


Foto AS15-85-11399 - JSC scan


Foto AS15-85-11400 - JSC scan


Foto AS15-85-11401 - JSC scan


Foto AS15-85-11492 - JSC scan


Foto AS15-85-11452 - JSC scan


Foto AS15-86-11598 - JSC scan


Foto AS15-86-11600 - JSC scan


Foto AS15-86-11601 - JSC scan


Foto AS15-86-11603 - JSC scan

1971/07/31: La prima visione dal "Falcon" degli Appennini Lunari

Su richiesta dei due astronauti Scott e Irwin, fatta prima della partenza, la NASA consente loro di effettuare una serie di controlli e fotografie attraverso il boccaporto superiore del Modulo Lunare dopo l’atterraggio, allo scopo di avere una migliore visione del luogo dove sono atterrati.

A due ore dall’allunaggio nel Mare delle Piogge, il comandante della missione, David Scott, salendo sulla copertura del motore di risalita, scatta una serie di fantastiche fotografie della vicina superficie delle maestose montagne circostanti: gli Appennini di Hadley.

Foto AS15-87-11730


Foto AS15-87-11732


Foto AS15-87-11747


Foto AS15-87-11748


Foto AS15-87-11749


Foto AS15-87-11750


Foto AS15-87-11751

1971/07/31 15:24 IT: La discesa di Scott: la diretta della CBS

1971/07/31: Le prime ore sulla Luna – Ricognizione in cima al LM e riposo

Subito dopo l’atterraggio sulla Luna, nelle vicinanze della Rima di Hadley che è la loro destinazione esplorativa, Scott e Irwin configurano il Modulo Lunare per i tre giorni che trascorrerà sulla Luna. Il LM dovrà sopportare tre giorni di esposizione al Sole su un lato e tre giorni d’ombra sull’altro: per questo è dotato di una coperta termica metallizzata multistrato (il rivestimento esterno che molti scambiano per carta stagnola).

Il Modulo di Comando usa il “metodo barbecue” (Passive Thermal Control, formalmente), ossia ruota lentamente sul proprio asse longitudinale per uniformare la propria esposizione al Sole e all’ombra e quindi evitare divari di temperatura che rovinerebbero lo scudo termico e causerebbero problemi termici nei serbatoi di propellente, ma il Modulo Lunare, una volta posato al suolo, non ha questa possibilità.

Subito dopo l’allunaggio, nel corso della propria orbita Al Worden ha sorvolato la zona dove si è posato il Falcon ma non è riuscito ad avvistarlo.

Una delle zampe del LM è finita in un piccolo cratere, per cui l’assetto del veicolo è piuttosto inclinato (circa 7 gradi all’indietro e 8.6 gradi verso sinistra, poco più di Apollo 14): nulla di preoccupante, anche se c’è un limite d’inclinazione oltre il quale la ripartenza sarebbe impossibile.

Le conversazioni con Houston sono molto tecniche ma punteggiate da momenti di umorismo per addetti ai lavori. Per esempio, il Capcom chiede all’equipaggio se riesce a localizzare il Cratere Falcon. Scott, dalla Luna, risponde “Credo che ci siamo dentro”, scatenando le risate a Houston. La ragione dell’ilarità è che Scott e Irwin, prima di partire, avevano deciso che qualunque cratere in cui fossero atterrati sarebbe stato battezzato “Cratere Falcon”.


1:30 IT. Worden, nel Modulo di Comando, inizia le fotografie scientifiche dall’orbita lunare.


2:16 IT. Inizia il primo compito esplorativo di Apollo 15, una novità di questa missione: la “stand-up EVA”, o “attività extraveicolare in piedi”. L’equipaggio, mentre indossa le tute pressurizzate (come ha fatto durante l’allunaggio), apre il portello superiore del LM, e Scott si mette in piedi sul motore di risalita del LM e si sporge con il tronco dal portello. Questo gli permette di effettuare una ricognizione visiva della zona di allunaggio da sopra il LM, a circa otto metri d’altezza: un preliminare importante, perché se risulta che la zona è costellata di massi (non visibili nelle foto scattate dalle sonde orbitali) sarà impossibile muoversi con il Lunar Rover, l’auto elettrica che è la grande novità di Apollo 15. L’attività di ricognizione è documentata in dettaglio della sezione Stand-Up EVA dell’Apollo Lunar Surface Journal.

Le foto in bianco e nero della Stand-Up EVA sono nel caricatore 85 LL e formano una dettagliatissima panoramica (scatti da 11353 a 11382, assemblati qui sotto da Dave Byrne).







Un’altra innovazione di Apollo 15 è l’uso di un obiettivo da 500 mm, mai portato dalle missioni precedenti, che consente foto in dettaglio di oggetti lontani. Scott usa anche questo obiettivo per scattare una serie di foto dall’alto del LM con un caricatore, l’84MM, che contiene pellicola in bianco e nero. Gli scatti sono da 11235 a 11249.

Ci sono anche delle immagini a colori della ricognizione preliminare: sono nel caricatore 87KK (da 11730 a 11744) e formano la panoramica mostrata qui sotto, creata da Dave Byrne.





2:49 IT. Termina la “stand-up EVA”, che ha permesso a Scott e Irwin di conoscere meglio la zona di atterraggio. Il portello viene richiuso e la stretta cabina del LM viene ripressurizzata.


2:59 IT. Piccola gaffe degli astronauti lunari: Irwin chiede a Scott se è “pronto a effettuare un piccolo trasferimento di urina” e Scott gli dice “Fai pure, vai prima tu” senza rendersi conto che hanno i microfoni aperti e quindi le loro conversazioni vengono captate a Terra. Il Controllo Missione li avvisa garbatamente.

107:25:07 Irwin: Okay. Are you ready to do a little urine transfer?

107:25:09 Scott: Go ahead. You first. (Pause)

107:25:17 Allen: And, Hadley Base. Be advised, you're still on VOX.



3:54 IT. Scott e Irwin consumano un pasto freddo: non c’è modo di scaldare il cibo nel Modulo Lunare.


5.32 IT. Gli astronauti si congedano via radio da Houston e si preparano per la prima notte di sonno sulla Luna. Nel Modulo Lunare è notte solo per modo di dire: in realtà nella zona di Hadley è l’alba, che durerà per tutti e tre i giorni della permanenza sulla Luna, visto che un “giorno” lunare dura due settimane terrestri. Gli astronauti oscurano i finestrini del LM e si adagiano nelle amache appese nell’abitacolo. A differenza degli equipaggi precedenti, dormono senza indossare le tute spaziali, per cui sono molto più comodi dei loro predecessori.

1971/07/31: La prima pagina de "La Stampa" informa dell'allunaggio del "Falcon"


1971/07/31 00:16 IT: Scott e Irwin sono sulla Luna!

In questo video tratto dall’Apollo Flight Journal della NASA, a 11:35 inizia il filmato ripreso dall'interno del Modulo Lunare Falcon dell'allunaggio ai piedi degli Appennini Lunari.


La ripresa della discesa è disponibile in buona qualità senza commenti e a schermo intero qui su Youtube.

2016/07/29

1971/07/29 22:05 IT: La meta è raggiunta: i tre di Apollo 15 sono in orbita lunare

Dopo un viaggio di oltre 380.000 chilometri, a 78 ore e 31 minuti dal lancio a Cape Kennedy, il complesso spaziale formato dal Modulo di Comando/Servizio Endeavour e dal Modulo Lunare Falcon si inserisce in orbita intorno alla Luna. Se non interverranno problemi lascerà l'orbita selenica dopo cinque giorni di navigazione: un record nella storia delle missioni umane intorno alla Luna.

Come una nave, seppur spaziale, Apollo 15 ha attraccato al porto. Ora non resta che la discesa sulla superficie ed il contatto diretto con il suolo lunare.

Foto AS15-93-12601


Foto AS15-93-12609


Foto AS15-93-12628


Foto AS15-93-12653


Foto AS15-93-12717


Foto AS15-94-12823


Foto AS15-94-12836


Foto AS15-88-11988

1971/07/29: La Luna è sempre più vicina - Dalla prima pagina de "La Stampa"

2016/07/28

1971/07/28: Le ultime notizie sul volo da "La Stampa"

Passato il timore di un eventuale annullamento della missione che ha come obiettivo finale l'allunaggio nei pressi del Mare delle Piogge, la missione di Scott, Worden e Irwin prosegue regolarmente.

2016/07/26

1971/07/26 19:07 IT (13:07 FL): L'estrazione del Lem "Falcon" dal terzo stadio del Saturn V

Dopo un perfetto ingresso in orbita ed un giro e mezzo intorno alla Terra, viene acceso il terzo stadio del Saturn V per il Lunar Injection, l’inserimento nella giusta traiettoria per il viaggio verso la Luna. Scott, Irwin e Worden danno l'addio, anzi l'arrivederci, al nostro pianeta. Il loro prossimo obiettivo è una zona in prossimità del Mare delle Piogge, precisamente ai piedi degli Appennini di Hadley.

A tre ore e 33 minuti dal decollo dalla rampa di lancio 39A di Cape Kennedy, il Modulo Lunare, ribattezzato in questa missione Falcon, viene estratto con una manovra da manuale da Alfred Worden dall'involucro del terzo stadio. In Italia sono le 19:07 di un lunedì d’estate, a Cape Canaveral le 13:07. Per i tre di Apollo 15 la Terra è sempre più lontana e sempre più piccola.

Foto AS15-91-12331


Foto AS15-91-12336


Foto AS15-91-12343


Foto AS15-91-12344




1971/07/26 15:34 IT (09:34 FL): Decollo! Si parte verso gli Appennini lunari!

Foto KSC-71PC-543


Foto 71-HC-982


Foto 71-HC-978 (research: J.L. Pickering)


Foto 71-HC-977


Foto KSC-71PC-572


Foto AP15-71-HC-1112 (research: J.L. Pickering)


Foto 71-HC-991 (research: J.L. Pickering)


Foto 71-HC-957 (research: J.L.Pickering)


Foto KSC-71PC-550 (research: J.L.Pickering)


Foto 71-HC-1103 (research: J.L. Pickering)


Il video del decollo: